Home » Blog » Seo » Come controllare lo stato di salute del tuo sito grazie alla SEO tecnica

Tempo di lettura stimato: 9 minuti

La SEO tecnica è fondamentale per mantenere in salute il tuo sito web

Nessuno pretende che inizi a fare le analisi avanzate con i filtri RegEx (se non sai che cosa sono, te lo spiegheremo presto in un altro post del blog). Ma se hai un sito, devi impostare Google Analytics, quantomeno nella penultima versione la UA360, detta anche Universal Analytics. Nel frattempo è stata introdotta la nuova versione GA 4.0, che serve magari solo se devi tracciare cose un po’ più complesse, come ad esempio le interazioni multidevice o via app. Ma Google Analytics è imprescindibile, come pure l’uso quotidiano di Google Search Console, che è un po’ come il coltellino svizzero della SEO. Anche di GSC ne parleremo in un’altra occasione. Per il momento ti basti sapere che sono strumenti di cui non puoi fare più a meno, se hai un sito online, sia per divertimento che per lavoro.

Come controllare le statistiche di scansione, il rendering e l’indicizzazione del proprio sito.

Non importa quanto siano spettacolosi i tuoi contenuti: se ci sono problemi tecnici irrisolti o lasciati lì, fermi da tempo, il posizionamento e il traffico del tuo sito web ne risentiranno. Come dire: tutti i nodi vengono al pettine! Ecco perché noi SEO dobbiamo controllare regolarmente lo stato di salute dei siti di cui siamo titolari, sia quelli nostri che quelli che gestiamo per i nostri clienti.

In questo breve articolo, ti diamo alcune dritte su come controllare la salute SEO del Tuo Sito.

Analizza la scansione del sito web

La scansione di un sito è detta ormai anche in lingua italiana “crawling”, tant’è che spesso noi addetti ai lavori usiamo anche la parola crawlare (si pronuncia “crolare”). Il crawling è guidato dai links, internet esiste perché ci sono i links. Da cui ne deriva che il processo di Link Building rappresenta una delle sfide più importanti della presenza digitale online.

C’era qualcuno (Cartesio) che disse una volta: “Cogito, ergo sum”. Ecco, traslato sul web, si potrebbe dire che se il Tuo Sito esiste, ma non è linkato da nessuno, è come se non esistesse, perché viene a mancare la funzione principale del web, che è quella dell’ipertesto.

La Link Building è una delle risorse più potenti che hai, quando lavori sul Tuo Sito. I tuoi link sono un modo per determinare quali pagine rappresentano i contenuti più importanti e non tutte le tue pagine hanno lo stesso punteggio di Valore. Se ci pensi è anche normale: come nella vita, non tutte le ciambelle vengono col buco.
Ma per ottimizzare il Tuo Sito e fare in modo che Google capisca quali sono le pagine più importanti del Tuo Sito ci sono dei sistemi. È la SEO tecnica, bellezza!

Prima di tutto occorre effettuare un controllo tecnico dei links, per determinare la priorità che Google sta dando ai collegamenti specifici. Occorre verificare i links che arrivano al Tuo Sito (backlinks), ma anche seguire il procedimento al contrario, cioè verificare tutti i links che partono dal Tuo Sito e puntano all’esterno verso altri siti. È anche importante verificare quali sono le “ancore di testo” (anchor text), perché in questo caso si parla di link contestuali o link acontestuali.

Ne abbiamo parlato in una delle puntate del nostro podcast “Roba da Nerd”, la puntata numero 32, ma sostanzialmente i link contestuali hanno un peso più rilevante, perché segnalano con certezza l’argomento del sito a cui puntano. Al contrario, i link acontestuali possono essere link in cui si dice semplicemente, clicca qui per tornare alla Home Page. In questo caso il Valore del link è minore (si dice in gergo che passa meno rank o anche meno “succo” o “link juice”).

Una volta che sai come sono organizzati i link del Tuo Sito, è una buona idea rivedere i file di registro, che forse hai già sentito chiamare log files e le statistiche di scansione. Sono tutti dati che mostrano come Google e anche gli altri motori di ricerca interpretano questi segnali di ranking.

Per effettuare tutte queste operazioni, noi di Pistakkio utilizziamo Visual SEO Studio, uno dei tools della SEO più importanti che fanno parte dell’arsenale di un professionista dell’ottimizzazione dei siti web.

Ispezione Link Visual Seo Studio Pistakkio 1024x544, Pistakkio Marketing, consulenza SEO e Google Ads per le piccole e medie imprese
L’ispezione Links di Visual SEO Studio, consente di ottenere una panoramica generale di tutte le tipologie di links, sia quelli che puntano al Tuo Sito, che quelli che partono dal Tuo Sito verso altri siti esterni

In alternativa alla scansione con Visual SEO Studio si può andare anche su Google Search Console a verificare nella sezione delle statistiche di scansione, con anche il rapporto sulla copertura. A quel punto ci si potrà divertire a testare le singole URL.

Assicurati che i motori di ricerca stiano visualizzando correttamente le pagine

La scansione del Tuo Sito web è solo un pezzo del puzzle tecnico dominato dalla SEO: i crawler devono eseguire il rendering di quelle pagine. Se il contenuto del Tuo Sito non è ottimizzato per quei bot non lo vedranno e potrebbe non essere visualizzato correttamente. Per evitare ciò occorre presentare i propri contenuti in formati che i crawler possano visualizzare.

Tutto ciò che richiede un clic da parte dell’Utente reale o richiede il coinvolgimento dell’Utente è ancora oggi difficile se non impossibile da realizzare per i bot. Per questa ragione la funzione del professionista SEO è tutt’oggi assai importante per la verifica dello stato di salute di un sito.

Una delle tecniche più semplici, ma efficaci per testare se le pagine sono indicizzate su Google è quella di usare gli operatori avanzati di ricerca (Advanced Search Operators), il più noto dei quali è sicuramente l’operatore “site:”

Vai su Google e scrivi (senza inserire spazi, quindi proprio come è scritto sotto):

site:nomesito.com

Un’altra tecnica semplice e alla portata di tutti è quella di andare a copiare una frase del tuo sito e scriverla tra virgolette su Google per vedere se poi è indicizzata.

Rivedi l’indicizzazione delle pagine del tuo sito

Una volta che sai che Google e altri motori di ricerca stanno eseguendo la scansione e il rendering del Tuo Sito correttamente, dedica un po’ di tempo a rivedere le tue pagine indicizzate. Questo può darti una delle immagini più chiare dello stato di salute del Tuo Sito, evidenziando quali pagine sono state indicizzate, quali sono state escluse e perché il motore di ricerca ha preso quelle decisioni. In questa fase occorre immedesimarsi nella “macchina” Google. Occorre fare autoanalisi e valutare criticamente i propri contenuti.

Se sarai stato bravo nel lavorare al Tuo Sito, scoprirai che quantomeno il 30-40% del Tuo Sito è indicizzato sì, ma si posiziona maluccio. Non ti scoraggiare, è abbastanza normale. Quando invece vedrai le pagine posizionarsi bene, vedi di non crogiolarti troppo negli allori. In primis, perché il Tuo concorrente diretto è sempre in agguato, per scavalcarti. In secondo luogo, perché come per tutte le cose, si può sempre far meglio.

Per far meglio occorre usare i SEO tools di terze parti. Visual SEO Studio è solo uno dei tools, uno dei principali che usiamo, ma ovviamente non l’unico. Tuttavia ricordati che tutto parte dalla scansione, dal crawling e dall’indexing e quindi la SEO tecnica è un po’ come la base, come le fondamenta della casa del Tuo Sito.

Anche su Google Search Console è possibile verificare il rapporto di copertura, che ci dà molti dati su ogni pagina del sito e ci dice quali pagine sono indicizzate. Purtroppo i dati riportati differiscono quasi sempre da quelli che si possono desumere dalla ricerca diretta tramite il motore di ricerca con l’operatore avanzato “site:”. Semplificando, ciò sta nel fatto che il motore di ricerca è la vetrina esterna di Google, mentre Google Search Console è il magazzino del negozio e come nella realtà l’ordine che regna può essere differente! Diciamo comunque, sempre semplificando, che i dati di GSC sono quelli di cui devi tenere conto.

Schermata Copertura Google Search Console Pistakkio 1024x489, Pistakkio Marketing, consulenza SEO e Google Ads per le piccole e medie imprese
Vedere una bella “bandiera italiana” con tutte le URL valide e nessun errore è sempre un buon punto di partenza. Qui la schermata tratta dal monitoraggio di questo nostro sito di Pistakkio su Google Search Console

Alla fine le cose sono più semplici di quanto si possa pensare. L’importante è ragionare in termini certosini, di intervento ripetuto, reiterato e protratto nel tempo. Perché i problemi in un sito sopravvengono sempre, anche quando meno te lo aspetti.

È per questa ragione che su un sito bisogna lavorarci per mesi e magari a te sembra che sia del tutto superfluo oppure che un lavoro una volta fatto sia bell’e finito. Ma non è così.

Se vuoi sapere di più su come scansionare il Tuo Sito e verificare se è crawlato per bene e a modino da Google, facci sapere. Saremo lieti di dare un occhio al Tuo Sito e a proporti un piano di ottimizzazione su base semestrale o annuale.

Foto dell'autore
Autore

Fabrizio Gabrielli

Mi piace camminare all'aria aperta, amo le penne stilografiche e la mia piccola moto Kawasaki ER6-f del 2011. SEO Expert, SEO Specialist, Growth Hacking Manager e web marketing addicted. Dopo una quasi ventennale collaborazione con svariate multinazionali, soprattutto dalla Germania e dagli USA, nel febbraio 2019 ho fondato Pistakkio®, che è marchio registrato in tutta Europa. Creo Valore nel posizionamento SEO di progetti web e faccio pubblicità online su Google Ads per le piccole e medie imprese del tessuto imprenditoriale local business in Toscana e in tutto il Centro Italia.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiama ora!